“Domani inizia ufficialmente in tutta Italia, sotto tutte le Prefetture, questa manifestazione dove annunceremo che siamo intenzionati a denunciare questa classe politica per crimini contro i cittadini italiani. L’ultimatum per i politici scade oggi, fino a stasera è tutto bloccato”. Così Danilo Calvani, leader del Coordinamento 9 dicembre, a Napoli, dove oggi era in programma un incontro delle realtà campane. In realtà, sotto la sede della Regione Campania si sono ritrovati davvero in pochi: “Ma è solo un’assemblea, non una manifestazione”, assicurano. “Questi signori stanno istigando al suicidio, molti cittadini italiani non possono curarsi e muoiono in silenzio. il nostro stato sociale è distrutto. Tutte le persone che finora sono state a guardare dalla finestra credo che ora riusciremo a mobilitarle in maniera pacifica. Scenderemo in tutte le piazze d’Italia ma la meta finale sarà Roma“, continua Calvani, che poi precisa: “Noi non siamo Forconi. Io non sono mai stato forcone. I Forconi sono arrivati come rappresentanza, avevano in mente di fare un partito politico che è legittimo. Ma credo che sia stato immorale prendere in giro la gente”  di Andrea Postiglione