“Vi faccio vedere come si vive con le mie malattie. E, dopo gli oltre 30 auguri di morte e oltre 500 offese, chiedo che il Partito animalista europeo, la Lega antivivisezione (Lav) e l’ex ministro Michela Vittoria Brambilla si dissocino da tali auguri”. Questa la risposta video che Caterina Simonsen, studentessa di Veterinaria all’Università di Bologna di 25 anni, colpita da 4 malattie generiche rare, ha postato su  Facebook dopo aver fatto scatenare la rabbia di alcuni animalisti in rete. La storia è nota. Negli scorsi giorni la ragazza ha pubblicato, sempre sul social network, una foto che la ritrae con un respiratore che le copre la bocca e in mano un cartello a favore della ricerca scientifica sugli animali:  “Se sono ancora in vita è grazie alla vera ricerca, che include la sperimentazione animale, altrimenti sarei morta a 9 anni”. Ora Caterina nel video sottolinea: “Io metto a nudo la mia realtà, perché voi capiate che l’unica mia colpa in tutto ciò sia stata curarmi senza uccidere nessuno direttamente”