“Io mi ricandido a fare il sindaco per cinque anni, con alcuni obiettivi”. Lo ha detto il segretario del Partito democratico Matteo Renzi durante l’incontro con la stampa per lo scambio di auguri di Natale e di fine anno tenuto a Palazzo Vecchio, nel capoluogo toscano. Renzi ha precisato che non c’è alcun cumulo di cariche tra il suo ruolo alla guida del partito e il mandato da primo cittadino: “E’ così in tanta parte d’Europa. E’ in Italia che è vista come un’eccezione”. Indica già la data per l’inizio della campagna elettorale che porterà alle elezioni comunali del 2014: “Partirà dal mese di marzo“. “Ci saranno anche liste a supporto della mia candidatura”. Perché un solo mandato di cinque anni “non basta per cambiare la città”. “Volete proseguire a cambiare o volete tornare indietro? Durante la mia amministrazione, e lo rivendico, c’è stata una visione. C’è stata una visione di città che può piacere o meno ma c’è stata. E questa visione si è realizzata in una maggiore vivibilità di Firenze. I cittadini dovranno decidere se andare avanti nel cambiamento o se fermarsi”.

Il suo obbiettivo per rafforzare il Pd è quello “di aprire sempre di più il partito ai sindaci, agli amministratori” locali. Si sofferma, senza sbilanciarsi, sulla vicenda del deputato del Pd Khalid Chaouki, che da domenica 21 dicembre si è rinchiuso nel Cie di Lampedusa per protestare contro le condizioni disumane che si vivono nel centro: “E’ una vicenda che stiamo seguendo, siamo in contatto con lui”.

Per uscire dalla crisi ”la vera sfida oggi è provare a cambiare anche l’umore dei nostri cittadini”. Ma sul futuro del Paese non fa pronostici, perché ”quello che accadrà nelle prossime settimane, nei prossimi mesi e anni in Italia è difficile da capire”. Poi il sindaco ha rivolto un “pensiero particolare ai precari del giornalismo, quelle giornaliste e giornalisti che svolgono questo lavoro per vocazione ma non hanno un posto di lavoro fisso”. “Spero che il 2014 – ha aggiunto – porti anche qualche novità nel settore dell’editoria, un settore che secondo me di novità ha bisogno”.