Nel corso della conferenza stampa di fine anno, il premier Enrico Letta difende a spada tratta l’inquilino del colle più alto di Roma: “Pur consapevole che le critiche sono legittime, ritengo che su Giorgio Napolitano in queste ultime settimane si sia passato il segno”. Un messaggio soprattutto per Beppe Grillo le cui parole – secondo Letta – “sono fuori luogo”. Il presidente del Consiglio sottolinea che il Quirinale non ha mai travalicato i suoi compiti, al contrario “con la sua credibilità ha salvato il Paese”   di Manolo Lanaro