Fate schifo. Noi non abbiamo altre parole, e neppure vogliamo cercarle, per commentare le immagini trasmesse ieri dal Tg2 e che vi riproponiamo su questo sito. Uomini trattati peggio delle bestie, denudati al freddo e spruzzati con il disinfettante. Come in un lager nazista, eppure siamo a Lampedusa, Italia, terra di naufragi e di tragedie, qui chi sbarca dopo ore di terribili navigazioni per fuggire da guerre e massacri, cerca accoglienza, solidarietà, umanità. Trova invece materassi lerci, cibo scarso, trattamenti inumani, cancelli sbarrati.

Fate schifo perché disonorate i vivi ma anche i morti dei naufragi, fate schifo perché vi siete inutilmente commossi quando sull’isola è sbarcato il Papa e ha gridato un fortissimo “Mai più morti” e vi incitava a pensare ai vivi, vi implorava di trattarli bene, con umanità. Fa schifo la politica che qui ha preso impegni di fronte al mondo intero e non si è accorta quel centro di accoglienza era solo una miserabile macchina di soldi e affari.

Di fronte a queste immagini vogliamo sapere cosa dice la ministra dell’Immigrazione signora Kyenge, quale indignazione susciterà le ira della Presidente della Camera Laura Boldrini, quali misure urgenti prenderanno il ministro Alfano e il capo del governo Letta, se, ancora una volta, risponderanno con parole vuote e promesse di carta.

Un Paese che tratta così esseri umani feriti e fragili, è un Paese che ha perso ogni senso dell’umanità. Un Paese che fa schifo.