Una perizia psichiatrica per valutare il pericolo di recidiva. L’ha disposta, a quanto si apprende, nei confronti di Annamaria Franzoni il Tribunale di Sorveglianza di Bologna, che ha così rinviato la decisione sulla richiesta di detenzione domiciliare avanzata dalla difesa della donna in carcere per l’omicidio del figlio Samuele. Una nuova udienza è stata fissata a gennaio.