iframe width=”620″ height=”348″ src=”http://www.serviziopubblico.it/articolo/embed/4082″ frameborder=”0″ allowfullscreen>

La tragedia di Prato, per Pippo Civati, è legata ad un sistema che ha enormi buchi e che ha permesso giganti sacche di lavoro nero. E osserva che sono stati gli italiani ad assecondare questa situazione e che oggi bisogna rispettare il concetto di concorrenza. E aggiunge: ““È un modello di sviluppo che non funziona più. Bisogna pagare di più i lavoratori. I diritti e i doveri dovrebbero andare insieme. Dobbiamo pretendere più doveri, su questo tema si è fatta molta demagogia”