“Noi abbiamo difeso un diritto. Al Parlamento non mando nessun messaggio, glielo ha lanciato la Consulta quando parla di rispetto dei limiti posti dalla Costituzione”. Così Claudio Tani, l’avvocato che assieme ai colleghi Aldo Bozzi e Felice Besostri hanno impugnato il Porcellum, ha commentato la decisione della Corte Costituzionale in una conferenza stampa a Milano. Il pool di legali è dal 2006 che ha intrapreso questa battaglia, presentando ricorso sulla legge elettorale. “Oggi – ha sottolineato Trani –  il Parlamento è giuridicamente legittimato ad operare, ma politicamente dovrà rispondere di questa decisione storica”. Ma glòi avvocati non si fermano. “Abbiamo notificato un ricorso anche nei confronti della legge elettorale europea”, hanno annunciato  di Alessandro Madron