“Rispetto per la libertà di stampa, ma non sottoscrivo nemmeno una delle parole di Sallusti”. Taglia corto il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Maurizio Lupi, che boccia così l’editoriale in cui il direttore de Il Giornale Alessandro Sallusti commenta lo scontro tra Berlusconi e il Quirinale e definisce il presidente Napolitano “un vecchio inacidito e in malafede, indegno di occupare la più alta carica dello Stato”. “Il direttore si prenderà la responsabilità dei suoi giudizi”, continua Lupi, oggi in visita al Pirellone a Milano per la formalizzazione del gruppo del Nuovo centro destra in Consiglio regionale. Quanto alle voci su una possibile fuga all’estero del Cavaliere, al ministro scappa una risata. “Le viene da ridere?”, lo incalzano i cronisti. “No, no. È che io sono il Nuovo centro destra”. Insomma, cose che non lo riguardano, non più. E al suo ex leader il ministro concede poco: “Abbiamo sempre detto che siamo per la grazia. Certo, i toni degli ultimi mesi non aiutano”  di Franz Baraggino