Non mi sembra che ora sia il momento dei condoni fiscali. Non mi sono mai piaciuti, neanche prima. E non mi piacciono neppure adesso“. Così il deputato del Pdl Maurizio Bianconi, ospite di “Punto e a capo”, su Class TV, stronca l’emendamento proposto dal suo partito sulla rottamazione delle cartelle di Equitalia. “Ci vuole una rilettura della tassazione” – continua – “serietà richiede che ci siano delle tasse più basse, non i condoni. I condoni si possono fare solo di fronte a un nuovo regime tributario”. Il vicecapogruppo del Pdl alla Camera attacca con veemenza il governo Letta, reo di proseguire l’operato del governo Monti. “Io vorrei ricordare al collega che è parlamentare da 20 anni” – ribatte il senatore Pd, Francesco Russo, che difende le larghe intese, ma viene interrotto da Bianconi, che puntualizza: “No, sono in Parlamento dal 2008”. Il parlamentare del Pd continua: “Lei, Bianconi, ha appoggiato convintamente sia il governo Letta, sia il governo Monti”. Piccata la risposta del deputato Pdl: “No, tu non sai chi sono io. Non ho mai votato la fiducia a Monti, sono stato l’unico parlamentare del Pdl che non ha mai votato la fiducia a Monti”. E aggiunge: “All’ultimo, Berlusconi me lo ha detto: “Sai, Bianconi, avevi ragione”. Gli è ci è voluto un ‘pochinino’ per capirlo. Ma io sono stato l’unico che ha sempre attaccato il governo Monti sin dall’inizio”