iframe width=”620″ height=”348″ src=”http://www.serviziopubblico.it/articolo/embed/3841″ frameborder=”0″ allowfullscreen>

Gli italiani si aspettavano una svolta di rigore rispetto alle scelte relative alle spese pubbliche. Ma, fa notare Franco Bechis, nessuno va a vedere la piccola spesa, che in Italia aumenta per piccoli scandali, come gli 800 euro per acquistare una bandiera della Croazia o i 25 mila euro spesi per rifare le sedie dell’ufficio del premier