La ripresa non si vede, ma ci sarà. Parola del premier Enrico Letta. “La ripresa nel prossimo anno è alla nostra portata anche se i dati ancora non si vedono perché la disoccupazione è cresciuta”, ha spiegato il presidente del Consiglio davanti al Consiglio nazionale del Coni, dove ha incontrato il presidente Giovanni Malagò. “Ma il segnale dei dati sulla ripresa può farci invertire la tendenza”, ha precisato il capo del governo, aggiungendo che “sulla fiducia possiamo ripartire”. Il premier, parlando del mondo dello sport, ha sottolineato che “il segnale di fiducia è fondamentale, attorno al vostro mondo gira la possibilità di far ripartire questa fiducia”. Davanti alla platea del Coni, Enrico Letta ha parlato dell’impegno dell’esecutivo sul tema dello sport. “Il governo presenterà nella legge di stabilità un emendamento con norme fondamentali che riescano a risolvere definitivamente il problema dell’impiantistica sportiva. Un tema complessivamente deficitario”, ha spiegato il presidente del Consiglio. “Faccio appello al Parlamento affinché nella legge di stabilità dal 1° gennaio venga varato un quadro normativo che consenta investimenti per essere più competitivi nel futuro. La forza del nostro Paese è la diffusione della pratica sportiva”. Altro impegno del premier, portare le Olimpiadi del 2024 in Italia. “E’ un obiettivo alla nostra portata ed è una partita che dobbiamo giocare”, ha affermato Letta. “Dobbiamo avere ambizioni alte, che sono alla nostra portata”. E torna sul derby Salernitana-Nocerina, partita sospesa a causa alle minacce degli ultras nei confronti dei giocatori. “Domenica abbiamo assistito a fatti gravissimi, nei confronti dei quali serve la tolleranza zero”, ha ammonito il presidente del Consiglio. “Sono episodi che hanno un effetto drammatico nei confronti dei valori che lo sport trasmette”