I soldi nelle tasche degli italiani continuano a diminuire e i beni non indispensabili stanno subendo una flessione nella richiesta e, di conseguenza, nei prezzi. Un esempio di questa tendenza si fa sentire nei box auto, che hanno visto una crescita dell’offerta a fronte di una contrazione della domanda, che ha portato a una forte riduzione delle cifre da pagare per gli affitti e per l’acquisto. Secondo uno studio condotto da Immobiliare.it, in Italia l’offerta dei box in vendita è aumentata del 6%, e di quelli in affitto del 9%, con un calo dei prezzi rispettivamente del 5% e del 12%. Guardando le percentuali, si potrebbe pensare che il momento è propizio per decidere di parcheggiare l’automobile al coperto risparmiando un po’.

Ma quanto costa un garage? Milano, ad esempio è la città che ha visto crescere più di tutte l’offerta, con un +5,7% di box in vendita e un + 9,3% di affitti e un conseguente calo dei canoni. Da zona a zona i prezzi cambiano molto, ma rimangono in ogni caso poco abbordabili, considerando che si tratta di garage di circa 15 metri quadrati, dove c’è spazio solo per l’automobile. Nel centro della città meneghina, un box può costare anche 350 euro al mese d’affitto, scendendo a 200 per la zona della stazione centrale e 150 per un quartiere come San Siro. Per chi sceglie di comprare, invece, l’esborso non è da poco. In piazzale Cadorna, si possono spendere 75mila euro per un garage di 15mq, e a San Babila ne servono anche 65mila per soli 11 mq. Si parla di quasi 6mila euro al metro quadro. Verso la periferia i prezzi scendono, ma si tratta sempre di cifre da investimento, con fasce da 40 a 60mila euro per la zona della stazione, e fra 30 e 40 mila a San Siro.

A Roma, invece, la giungla dei garage è ancora più fitta. In centro storico i box sono rari, e le cifre possono superare abbondantemente i 100mila euro. Un po’ più fuori, nella zona di piazza Bologna si parte da 40mila euro, la stessa cifra che si paga in media al Tuscolano per un posto singolo. Gli affitti, invece, proprio al Tuscolano partono da circa 150 euro, e arrivano anche a 600 nel centro storico. Secondo Immobiliare.it, i cali più forti negli affitti si sono registrati a Genova e Bologna con prezzi più bassi rispettivamente del 12,2% e 10,9%. Nonostante ciò, sotto le Due Torri, i prezzi per un posto coperto in un’autorimessa sono stabilmente sopra la media dei 100 euro al mese in centro storico, mentre si gravita intorno ai 150 per un box nelle prime zone periferiche, come Murri o Mazzini. Alla luce di queste cifre, per la famiglia media italiana i soldi spesi nell’affitto di un box potrebbero essere una spesa supplementare, che spinge molti a lasciare l’auto in strada. Una conferma arrivata dal fatto che l’età media del parco auto in Italia è di 10,6 anni. L’automobile , quindi, in città perde appeal, anche a causa del traffico e delle Ztl, che la gente a muoversi in altri modi. A partire dai mezzi pubblici e dalla bicicletta, per arrivare al bike o car sharing.