Una cassetta della frutta per podio e un piccolo megafono. Il candidato alla segreteria del Pd Gianni Cuperlo e Cesare Damiano, il democratico presidente della Commissione Lavoro alla Camera e ministro del lavoro dal 2006 al 2008, incontrano un gruppo di esodati davanti la sede Inps di Roma. “Ci batteremo in Parlamento per risolvere la questione delle persone lasciate a casa senza pensione e stipendio”, promette Cuperlo. “Solo chiacchiere e niente fatti“, è l’opinione degli esodati che, dopo aver ascoltato pazientemente i politici, si lasciano andare agli sfoghi. “Da due anni sentiamo promesse, tutti dicono di voler risolvere la nostra situazione ma nessuno la ha ancora fatto”. “Anche Letta – aggiunge una signora che lavorava alle Poste – nel discorso di insediamento ha parlato di noi ma poi ha voltato le spalle al problema”  di Annalisa Ausilio