Centinaia di fedeli hanno sfilato fino al cimitero della Certosa in preghiera per dire no alla festa importata dal mondo anglosassone. “E’ una notte sacrilega, lo è in tanti paesi del mondo”, spiega una ragazza venuta alla fiaccolata voluta dalla Curia. “Assalti ai cimiteri, messe sataniche, riti sacrificali con animali o umani e in più ora si è costruita una strategia commerciale. Oramai si specula su qualunque cosa”. Il monito dall’altare del sacerdote è duro: “Non inganniamoci addolcendo il dramma della morte, rivestendolo di maschere da carnevale d’autunno”. Ma tra le persone accorse c’è anche chi è più indulgente: “Penso che tanti genitori non sappiano molte cose e per questo lasciano che i loro figli festeggino Halloween”  di David Marceddu