“E’ un movimento con tante istanze, ma con molte fragilità e non ci servono incidenti. Ne risentiremmo noi per primi”. Sono in tanti a piazza San Giovanni a Roma per il corteo contro l’asuterity. Tante anime di un corteo che conta: immigrati, operai, movimenti per la casa, cobas e quelli contro le grandi opere. C’è anche chi si augurava di trovare una rappresentanza più forte degli attivisti del Movimento 5 stelle. “Mi aspettavo le bandiere dei pentastellati – dichiara una signora ai microfoni de ilfattoquotidiano.it – siamo qui per loro”  di Cosimo Caridi e Lorenzo Galeazzi