Sono una cinquantina i NoTav che venerdì sera sono partiti da Bussoleno (Torino) per partecipare alla manifestazione di Roma. “Non è un corteo organizzato da noi” spiega uno degli attivisti “ma è importante che ci sia una nostra rappresentanza”. Alle prime luci del giorno il bus arriva alle porte di Roma, i NoTav comprano i giornali e leggono amareggiati “ci descrivono come black block, come no global, non siamo venuti a mettere a ferro e fuoco la città”.  Da Torino sono partiti altri sei bus organizzati dai centri sociali che si uniranno a quello valsusino per creare uno spezzone NoTav nel corteo  di Cosimo Caridi