Sarà il venerdì nero dei trasporti e della pubblica amministrazione. Il 18 ottobre è previsto uno sciopero generale nazionale di 24 ore che coinvolgerà il trasporto aereo, ferroviario, marittimo e locale. La manifestazione di protesta è stata indetta dai sindacati di base (Usb, Confederazione Cobas, OR. S. A. Scuola Università e Ricerca, Sindacato Siae, Usi e Unicobas) e coinvolgerà tutti gli uffici comunali, provinciali e regionali, con un corteo nazionale che sfilerà per le vie di Roma chiedendo un “serio piano nazionale sull’occupazione” e “contro ogni forma di precarietà“.

A Bologna, e in ogni Comune dell’Emilia Romagna lo sciopero per bus e treni regionali sarà a singhiozzo dalle 8.30 alle 16.30 e ancora dalle 19.30 fino a fine servizio. E già dalla sera di giovedì 17 potrebbero verificarsi i primi disagi tra linee urbane ed extraurbane. Saranno interessati quindi anche il personale degli uffici comunali e quello dell’Azienda Usl che, ad ogni modo, garantiranno, oltre alle urgenze, parte dell’attività programmata e i livelli minimi di attività previsti dall’accordo sindacale in caso di sciopero.

I bus a Bologna. I mezzi urbani, suburbani ed extraurbani del bacino di Bologna avranno garantite solo le corse dal capolinea centrale verso periferia, e viceversa, con orario di partenza fino alle ore 8.15 al mattino e fino alle ore 19.15 di sera. Per le linee urbane di Imola garantite tutte le corse complete in partenza dalla stazione, o dall’autostazione, fino alle ore 8.20 al mattino e fino alle ore 19.20 alla sera. Sarà attivo fino alle 9 di venerdì 18, e dalle 16 fino a termine servizio, un numero da chiamare per avere informazioni: 051-290290. Sempre a Bologna, parallelamente allo sciopero Usb, le sigle Cgil-Cisl-Uil, Cisal e Ugl hanno indetto una mobilitazione dalle 10.30 alle 14.30 per la vertenza sulla sosta. Gli autisti di Tper aderenti a questa tipologia di sciopero si fermeranno dalle 10.30 alle 14.30, i lavoratori della sosta per l’intera giornata e gli addetti ai servizi collaterali della Ncv al mattino.

I bus a Parma. Identico stop per i trasporti locali nel Comune di Parma. Tep segnala che verranno assicurati il servizio urbano e quello extraurbano al mattino per tutte le corse in partenza dai capolinea dalle ore 5.30 alle ore 8.30; a mezzogiorno per tutte le corse in partenza dai capolinea dalle ore 12.10 alle ore 14.40.

Situazione critica anche per i treni regionali. Il personale dei servizi ferroviari TPER sciopera per 24 ore iniziando dalle ore 21 di giovedì 17 ottobre fino alle ore 21 di venerdì 18 ottobre. Fasce di servizio garantite sono dalle ore 6 alle ore 9 e dalle ore 18 alle ore 21 sulle linee della rete di competenza FER Bologna-Portomaggiore, Bologna-Vignola, Ferrara-Suzzara, Ferrara-Codigoro, Reggio Emilia-Guastalla, Reggio Emilia-Sassuolo, Reggio Emilia-Ciano d’Enza, Modena-Sassuolo e Parma-Suzzara. Disagi potrebbero quindi verificarsi anche in seguito alla possibile soppressione di treni TPER che circolano sul servizio regionale delle linee della rete RFI Ferrara-Ravenna-Rimini-Pesaro, Ferrara-Bologna-Imola-Rimini, Bologna-Poggio Rusco, Bologna-Parma, Parma-Fornovo-Fidenza, Modena-Mantova. Il call center per ulteriori informazioni è 840.151.152, attivo tutti giorni feriali dalle ore 7 alle 14 e dalle ore 15 alle 18. Trenitalia fa comunque sapere che sui regionali saranno garantiti i servizi essenziali, mentre le “Frecce” saranno regolari.

Controllori Enav fermi dalle 13 alle 17. Anche chi viaggerà in aereo da o verso l’aeroporto Marconi di Bologna e degli altri scali della regione potrebbe subire qualche disagio. I controllori di volo dell’Enav si fermano infatti dalle 13 alle 17 . Alcuni voli internazionali al Marconi sono stati già cancellati e altri potrebbero subire variazioni nelle prossime ore. Per tenersi aggiornati il sito dell’aeroporto ha messo a disposizione un servizio di sms per i passeggeri dei voli interessati.