Ricostruisci la vita. E’ con questo slogan che ieri all’ospedale Gemelli di Roma si è celebrato il Bra-Day (Breast Reconstruction Awareness) – la ‘Giornata internazionale per la Consapevolezza sulla ricostruzione mammaria’. Un’iniziativa globale per sensibilizzare e informare le donne malate di tumore al seno sui nuovi percorsi terapeutici che permettono una maggiore qualità della vita, un ritorno ad una vita normale, a volte con possibili gravidanze. “Da oggi le donne non dovranno più affrontare mutilazioni innaturali che le privano della loro femminilità, ma potranno sottoporsi alla ricostruzione mammaria immediata – afferma la dott.ssa Marzia Salgarello, a capo dell’unità operativa di chirurgia plastica all’ospedale Gemelli – purtroppo una paziente su otto non sa di avere questa scelta e attraverso questo convegno noi medici cerchiamo prima di tutto di divulgare i passi avanti fatti nel campo dell’oncologia e senologia”. “Purtroppo il tumore al seno è una malattia sempre più diffusa, è spesso le pazienti vengono curati in piccoli ospedali senza un’attenzione ottimale – aggiunge il professor Riccardo Masetti, direttore del centro di Senologia la Gemelli – lo sforzo è quello di concentrare la cura di queste malattie in dei centri specializzati, multidisciplinari che possano curare le donne al meglio”  di Irene Buscemi