Novembre 2012, il sindaco Pdl Alfredo Celeste è agli arresti domiciliari per un accusa di corruzione arresto del primo cittadino per corruzione. E’ l’inchiesta Zambetti sulle infiltrazioni mafiose in Lombardia che ha visto alcuni personaggi vicini all’amministrazione finire dietro le sbarre per associazione mafiosa e oggi ha determinato lo scioglimento del comune, il primo in Regione. Il Consiglio comunale è gremito e i cittadini urlano “vergogna”. Ciò nonostante l’assemblea decide di salvare il suo primo cittadino con nove voti contro otto  di Francesca Martelli