La conferma arriva direttamente dal suo staff: il nuovo singolo di Vasco Rossi, intitolato Cambia…menti, uscirà il 15 ottobre prossimo. E come racconta sulla sua pagina facebook proprio il rocker di Zocca “sarà una canzone ironica e ricca di spunti di riflessione”. Sono trascorsi appena due mesi dal Live Kom ‘013, il tour che ha consacrato ufficialmente il ritorno sul palcoscenico del Re Mida della musica italiana, salutato in sette date, tra Bologna e Torino, da quasi 200mila persone, e il Blasco è già di ritorno con una novità: un nuovo singolo, le cui prime strofe, racconta, “ho cominciato a scriverle tre o quattro anni fa, in piena fase di furore creativo che mi teneva sveglio notte e giorno”. Un brano “il cui svolgimento è continuato nel tempo”, perché “i cambia…menti sono sempre dovuti alla necessità”, e che si preannuncia già pronto a divorare velocemente tutte le classifiche.

Della novità Vasco Rossi ha voluto parlare a modo suo, ovviamente sul web, ovviamente con l’accompagnamento di un “clippino”: disseminando indizi. Il primo è del 27 settembre e corrisponde alla fotografia di un’auto, una Tesla Motors Roadster guidata da lui stesso. Troppo facile per i suoi “soliti”, i 3 milioni e mezzo di fan che seguono quotidianamente il suo profilo, indovinare quale messaggio si celasse dietro all’immagine. E infatti, pochi giorni dopo, sul web è arrivata la conferma, seguita dalle prime strofe del nuovo brano. Per ora della canzone si conoscono pochi dettagli: qualche parola e l’intro, diffusa dal rocker in “anteprima abusiva” via “clippino”, girato in sala di registrazione. Un sound originale, rock, “molto interessante”, per usare le parole di Vasco stesso. Il resto, spiega il suo staff, “è top secret”, e lo rimarrà fino all’uscita del singolo prevista per il 15 ottobre prossimo.

Una data che sul web è attesa con anticipazione, perché se si esclude “L’uomo più semplice”, il singolo uscito il 20 gennaio scorso, primo in classifica di lì a poche settimane, era dal 2011, da Vivere o niente che non si parlava di album in studio o di brani inediti. Del resto, e a proposito di cambiamenti, il percorso del rocker non è stato facile, anzi, è stato “in salita”. Prima l’interruzione di Live Kom ‘011 per via di quella brutta malattia che l’ha costretto a lungo in ospedale e lontano dai riflettori, osteomelite e endocardite, poi il primo concerto, una serata microfono e chitarra sul palco della discoteca Cromie di Castellaneta Marina, in Puglia, solo per ritornare ricoverato alla clinica Villalba di Bologna, una nuova degenza, ancora la malattia. E intanto il successo Alla Scala di Milano, che per una sera ha abbandonato il tulle per fare spazio al rock di L’altra metà del cielo, il balletto danzato sulle canzoni di Vasco, quelle che parlano delle sue donne, Sally, Gabry, Silvia, Jenny, ma anche la bocciatura del suo brano, “La luna”, scritto per Patty Pravo, da parte della giuria del Festival di Sanremo. E ancora il matrimonio con Laura Schmidt, la compagna di sempre, celebrato nella sua Zocca a luglio dell’anno scorso, e poi la terza ricaduta, la lunga convalescenza in quello “stupido hotel”, nella camera lontana dal cielo dalla quale il Kom non ha mai smesso di pensare alla musica.  Fino ad arrivare al successo dell’ultimo tour, il cerchio che si chiude, i fan accampati fuori dal Dall’Ara di Bologna solo per essere in prima fila, per accogliere per primi il “provocautore” per eccellenza, protagonista di uno show iniziato con un grido di gioia e una frase: “Tutto bene quel che finisce bene”.

Un biennio tra alti e bassi, tra vedere il buio e ritornare alla luce, quello di Vasco Rossi, insomma. “Dalle esperienze, soprattutto quelle dolorose, prendo quello che mi è utile – raccontava a pochi giorni dal Live Kom ‘013 – dato che sono quasi morto, ma non vado mai via, ho deciso di fare un reset come si fa con il disco del computer. Ho fatto un sacco di esami anche approfonditi per vedere se sono vivo. E sono vivo”. E da quel reset sembrerebbe provenire “Cambia…menti”. Come scrive lo stesso rocker tra le parole della sua canzone, “cambiare macchina è molto facile, ambiare donna un po’ più difficile, cambiare vita è quasi impossibile”. E tuttavia, canta Vasco, è tempo di “cambiare tutte le abitudini, eliminare le meno utili e cambiare direzione”.