C’è chi è partito alle 7.30 e chi alle 9 per raggiungere il Palabam di Mantova, dove il sindaco di Verona, Flavio Tosi, ha presentato la sua fondazione “Ricostruiamo il paese” e la candidatura alle primarie del centrodestra. “Il mio obiettivo – ha detto Tosi – è chiederle perché siano i cittadini a scegliere il candidato”. La maggior parte delle persone intervenute è arrivata con pullman “organizzati“. Ma da chi? “Dal Comune di Verona“, ci dicono alcuni. “Dalla Lega“, testimoniano altri arrivati dalla provincia veronese. Un viaggio rigorosamente gratis, per sostenere l’esponente leghista che promette trasparenza: “L’evento è stato pagato dai contributi delle singole persone che credono nel progetto. C’è un conto corrente”. Assente Roberto Maroni e gli altri esponenti nazionali del Carroccio, ma il sindaco di Verona, con il fazzoletto verde nel taschino, minimizza e guarda con favore ai diversamente berlusconiani del Pdl:  “Alfano e Lorenzin non sono traditori, e hanno preso una decisione che metteva a rischio la loro carriera politica”. Nella fondazione ci sarà spazio anche per l’amico Corrado Passera, scomparso dalle cronache politiche? Tosi risponde: “Lo stimo: la fondazione è un contenitore che si confronta con chiunque”  di Francesca Martelli