Il fondatore di Emergency a Piacenza in occasione del festival del Diritto attacca le parole di Giorgio Napolitano pronunciate a commento del discorso di Silvio Berlusconi alla tv della scorsa settimana: “Mi preoccupo quando chi dovrebbe essere il garante della Costituzione mette sullo stesso piano delinquenti e magistrati, a maggior ragione se è il presidente della Repubblica”. Strada era ospite di Stefano Rodotà che della manifestazione piacentina è il responsabile scientifico. Davanti alle telecamere del Fatto Quotidiano i due ricordano i giorni della candidatura al Quirinale ad aprile, quando entrambi furono proposti dal Movimento 5 stelle. Il medico fece spazio al costituzionalista: “Speravo che questo signore diventasse capo dello Stato, ma spero ancora lo possa diventare visto che lo vedo in forma”. Il costituzionalista imbarazzato risponde: “È il dottor Strada che mi ha lanciato, è lui responsabile di questa vicenda della mia vita”. Poi Rodotà prosegue: “Essermi trovato in compagnia di Gino in un momento così importante della mia vita come i giorni dell’elezione per il Quirinale, è una di quelle cose che mi piacciono molto”. Infine il chirurgo rivela: “Potremmo presto aprire altri ambulatori di Emergency in Italia: 9 milioni di persone in questo Paese non riescono a curarsi”  di David Marceddu