Domenica 22 settembre, a Casale Monferrato, gli attivisti e le attiviste del coordinamento Torino Pride Glbt e dei collettivi femministi hanno contestato il dibattito “Gender Omofobia Transfobia: verso l’abolizione dell’uomo?” organizzato dal Movimento per la Vita, Alleanza Cattolica e Comunione e Liberazione. Nel corso dell’incontro, i relatori, dopo aver affrontato il tema dell’estensione della legge Mancino ai reati di omofobia e transfobia, hanno difeso a spada tratta la naturalità dell’unione tra uomo e donna minimizzando il problema dell’omofobia. Posizioni che hanno scatenato la contestazione del collettivo Altereva e di Arcigay che che hanno bloccato l’incontro in segno di protesta  di Simone Bauducco