“Prendo atto di questa posizione legittima e degna, ma certamente non mi ci ritrovo. Sono comunque pronto a confrontarmi”. Così, ai microfoni de ilfattoquotidiano.it, risponde il ministro per le Riforme Gaetano Quagliariello in merito all’appello del Fatto Quotidiano contro la modifica “sottobanco” dell’articolo 138 durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi al termine della consegna al premier Enrico Letta della relazione della Commissione riforme. In merito alla polemica si esprime anche Luciano Violante che motiva la legittimità della riforma costituzionale affermando: “Dobbiamo competere con altri Paesi e anche la Costituzione non esula dal problema della competitività”  di Manolo Lanaro