Un detenuto di circa 40 anni è stato trovato a terra morto, questa mattina nel carcere della Dozza a Bologna, da un altro detenuto che stava lavorando nel penitenziario. Lo ha reso noto il sindacato di polizia penitenziaria Sappe, aggiungendo che al momento non si conoscono le ragioni del decesso e che sono in corso gli accertamenti da parte delle autorità del carcere.

“Lo scorso anno – ricorda il segretario generale aggiunto del Sappe, Giovanni Battista Durante – i decessi per cause naturali, in Emilia-Romagna, sono stati cinque, i tentativi di suicidio 67, dei quali 12 a Bologna, e i gesti di autolesionismo 157, dei quali 34 a Bologna, dove sono presenti 916 detenuti”.