Tornano in piazza i precari della scuola a Roma e in tutta Italia. Nella Capitale un centinaio di persone ha manifestato sotto la sede dell’ex Provveditorato esponendo un grande cassonetto di cartone con la scritta: “Questo è il mio Stato, prima mi usa e poi mi getta“. Nel mirino il ministro dell’istruzione, Maria Chiara Carrozza. “Si è vantata di aver annunciato 11mila assunzioni – spiegano i manifestanti – ma i precari in tutta Italia sono 150mila e persino la Gelmini ne aveva assunti il doppio: 23mila”. Molti dei partecipanti al sit-in hanno indossato magliette gialle, con sopra scritto a pennarello il numero di anni di lavoro precario prestato. “Io lavoro con contratti a termine da 17 anni – racconta un’insegnante, Rosaria – è impossibile avere dignità professionale così. Ho guardato il calendario delle convocazioni e per quest’anno ancora non c’è nulla: non so nemmeno se potrò lavorare”  di Tommaso Rodano