Dal 2014 l’Imu non ci sarà più. Dal primo gennaio 2014 nasce la Service tax, che al suo interno comprenderà la Tares. L’Imu del 2013 non sarà pagata e l’operazione sarà gestita senza aumenti di tasse. Così Enrico Letta in conferenza stampa, al termine del Cdm, ha spiegato il pacchetto varato dal governo. Come verrà finanziata, quindi, la rata di dicembre? “Nel decreto che accompagnerà la legge di stabilità, il 15 ottobre, saranno indicate le coperture della seconda rata dell’Imu perchè alcune coperture si svilupperanno nelle prossime settimane”, ha detto Letta, che ha ipotizzato un aumento delle tasse sui giochi per coprire il mancato gettito, da finanziare anche con tagli delle spese e iniezione di altri 10 mld di debiti della Pa. “Pago vedo voto”, ha spiegato ancora il premier per sostenere che la nuova “service tax è realmente federalista” e quindi saranno le amministrazioni locali a modularle e a pagare il prezzo in termini di consenso in caso di aliquote eccessive e non “ripagate” da servizi  di Manolo Lanaro