Il giorno dopo l’incidente occorso a Higuain, che lunedì a Capri tuffandosi dalla barca ha preso in pieno uno scoglio, rimediando sei punti di sutura alla mandibola e due allo zigomo sinistro, per fortuna senza fratture o conseguenze di altro genere, il presidente del Napoli De Laurentiis è un fiume in piena. In mattinata a Radio Kiss Kiss ha detto: “Higuain? Non l’ho incontrato. Speriamo che queste suture durino nel tempo perché in ospedale non si sanno mettere neanche dei punti. Volevo vedere il taglio che ha riportato per poter fare causa alla Regione Campania e a Capri. Chiediamo 100 milioni di danni alle istituzioni, da devolvere poi a chi ha bisogno. I politici devono avere una lezione. Cosa fa il sindaco di Capri? Cosa fa il presidente della Regione? (…) Sono stanco di non avere presidi medici di buon livello. Manco fossimo in Africa”.

Difficile conciliare queste dichiarazioni con il leggero incidente occorso al calciatore, episodio più buffo che brutto e senza conseguenze. Higuain infatti, dopo l’ottima prestazione di domenica contro il Bologna, ha approfittato della giornata libera per fare una gita in mare a bordo di un motoscafo in compagnia di amici e di Lucia Fabiani (già agli onori delle cronache rosa per precedenti frequentazioni con Fabrizio Corona) a Marina Piccola, a largo di Capri. Qui ha deciso di tuffarsi e ha preso in pieno lo scoglio. Subito soccorso da chi era con lui, è stato trasportato da un gommone della capitaneria all’ospedale Capilupi dell’isola, dove è stato medicato e dimesso nel tardo pomeriggio. Questa mattina era a Castel Volturno per una visita con i medici del Napoli, che hanno confermato la sua presenza in campo per la prossima trasferta di Verona, e lì ha ascoltato le parole di De Laurentiis.

Al pittoresco De Laurentiis ha risposto a stretto giro di posta il sindaco di Capri, Ciro Lembo (colui che ha firmato il divieto di girare per l’isola a torso nudo o con gli zoccoli fino allo schedario del dna ottenuto dall’analisi della cacca dei cani per individuare presunti colpevoli di defecazione stradale), che ha detto: “Un’uscita che si poteva risparmiare – ha attaccato il primo cittadino, rivolgendo un plauso ai medici dell’ospedale – che pur lavorando in condizioni difficili hanno assistito adeguatamente il calciatore, ricevendo i ringraziamenti suoi e degli amici che erano con lui. Tra l’altro ha rilasciato questa dichiarazione senza neanche aver visto le condizioni del calciatore, quindi non capisco di cosa accusa i medici. (…) Al presidente De Laurentiis dico quindi che il nostro lavoro lo sappiamo fare”. Un batti e ribatti da commedia all’italiana, che sembra piuttosto il traino a un altro film. E infatti questa mattina a Castel Volturno, mentre Higuain si curava in infermeria, l’intero centro di allenamento del Napoli è stato trasformato in un set per il cinepanettone del prossimo Natale cui parteciperanno Marek Hamsik e molti altri giocatori del Napoli. Produzione De Laurentiis e regia di Neri Parenti, il titolo sarà Colpi di Fortuna: quelli che non sono mancati nella surreale vicenda.

Twitter: @ellepuntopi