In questi ultimi anni il femminicidio sta diventando senza ombra di dubbio un fenomeno talmente frequente, da sembrare contagioso. Si spendono molte parole riguardo al profilo dello stalker assassino. Si dice che sia folle, poi si dice che sia normale, aumentando e generalizzando la paura nel popolo femminile.

Da semplice osservatore, credo che il comune denominatore che unisce queste persone apparentemente sane ma omicide, sia il disturbo ossessivo che si manifesta con l’incapacità di controllare la direzione del pensiero. Un pensiero che va e ritorna sempre sullo stesso punto: molti uomini, pur coltivando molti interessi e soddisfazioni sul campo sociale non riescono ad accettare, sul piano sentimentale, un fallimento. E qui c’è una fragilità spesso patologica che impedisce la maturazione psichica. Benché non siano degli assassini naturali, lo diventano nel momento in cui l’amore li abbandona. E l’amore per loro, è dovuto. Diventa una specie di diritto. 

Spesso lo stalking poggia sull’ignoranza affettiva. L’oggetto d’amore diventa una proprietà privata e come tale viene trattata. Il fidanzamento e il matrimonio viene pensato come un acquisto e, quando la donna se ne accorge (spesso tardivamente) e tenta la fuga, ecco che “il cane da guardia” che è nell’animo dello stalker (l’ossessione), si avventa su di lei. Purtroppo le idee ossessive sono molto diffuse ed esplodono senza avvertimento. La mente degli ossessivi può essere anche brillante ed eccezionale, ma nasconde un grosso errore intellettivo oltre che morale, non facilmente individuabile. 

E poiché l’errore molte volte rimane invisibile per processi psichici inconsci, ecco che l’aggressore appare statisticamente normale e non sospetto.

Ma lo stalking riguarda anche le donne, solo che la loro violenza preferisce agire non sul piano fisico, ma su quello psicologico. Alcune donne controllano il proprio compagno, usando mezzi sottilissimi quali il pettegolezzo, l’intrigo e l’ingabbiamento. Questo è un tipo di violenza che usa armi astratte. E possono essere micidiali.

Blueman

____________________________

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.itsottoscrivendo il nuovo abbonamento Utente Sostenitore.

Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. E ogni giorno ne pubblicheranno uno. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio.

Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.