Noi chiediamo molto chiaramente che il Pd rifletta, astraendosi dalla storica inimicizia di questi venti anni e rifletta sulla opportunità di votare no alla decadenza di Berlusconi“. Il segretario del Popolo della libertà Angelino Alfano, in visita al Meeting di Comunione e Liberazione, si rivolge direttamente ai colleghi di governo del Partito democratico: “Non chiediamo al Pd un gesto e un voto a favore del presidente Berlusconi, ma chiediamo con altrettanta forza di non dare un voto ‘contra personam’, contro il loro avversario di sempre, contro il loro nemico storico”. E conclude: “Chiediamo che la vicenda della decadenza in giunta al Senato venga trattata come se riguardasse uno qualsiasi dei senatori. Il Pd approfondisca la questione giuridica nel merito e non pronunzi una sentenza politica sull’avversario storico”  di Giulia Zaccariello