Rimborsi fiscali ‘sprint’ per chi ha perso il lavoro“. Lo afferma l’Agenzia delle Entrate, comunicando che dal 2 al 30 settembre chi ha percepito redditi da lavoro dipendente nel 2012 ma non è più occupato può presentare il modello 730 a un Caf o a un intermediario abilitato, per ottenere in “tempi brevi” il rimborso delle imposte a credito direttamente dall’Agenzia. Per velocizzare ulteriormente i tempi sarà possibile comunicare il proprio Iban, attenendosi esclusivamente alle istruzioni disponibili sul sito internet dell’Amministrazione.

La novità, contenuta nel Decreto del Fare, è resa operativa da un provvedimento del direttore dell’Agenzia. Possono presentare la dichiarazione dei redditi con il modello 730, invece che con il modello Unico, i contribuenti che hanno cessato il rapporto di lavoro senza trovare un nuovo impiego. Per il 2013 questa possibilità è riconosciuta ai soli contribuenti che vantano un risultato finale della dichiarazione a credito mentre dall’anno prossimo sarà allargata anche a chi deve versare le imposte.

Sempre sul fronte fiscale, il Tesoro sottolinea come si stia riducendo il contenzioso, con un calo del 5,64% nel secondo trimestre del 2013 rispetto al 2012 e del 21,95% rispetto allo stesso periodo del 2011. Inoltre, spiega ancora il Ministero, il numero dei ricorsi complessivamente definiti nelle Commissioni tributarie (85.488) risulta superiore al numero dei ricorsi pervenuti (76.306), contribuendo alla riduzione della giacenza dell’1,49% sull’inizio dell’anno, e dell’8,66% su giugno 2012.