Era occupato dallo scorso aprile e al suo interno ospitava una biblioteca, delle aule studio e molte attività. Ma il palazzone di via dei Sabelli ieri è stato sgomberato dalle forze dell’ordine. Il motivo? Lo stabile era pericolante, secondo fonti di Questura. Non la pensano così gli ex occupanti che sottolineano come l’area inagibile fosse stata chiusa e transennata, ma soprattutto vedono nell’operazione il tentativo di dare seguito all’ennesima speculazione edilizia nel rione romano. “Insieme alla polizia sono arrivati anche operai che hanno iniziato a distruggere a picconate i gabinetti per renderli inutilizzabili”, raccontano. Nel pomeriggio c’è stata un’affollata assemblea al Cinema Palazzo e poi un corteo per le vie di San Lorenzo. Intanto la proprietà, la Sabelli trading srl, ha aperto all’idea di una consultazione con  “l’amministrazione e i cittadini per garantire la valorizzazione dell’immobile compatibilmente con il quartiere”  di Nello Trocchia