Ieri solarium, campo di calcio, tiro con l’arco e corsa. Oggi – che il caldo si fa sentire – anche piscina. Il tetto della chiesa di San Biagio ai Taffettanari, un gioiello del ‘500 del centro storico di Napoli, non trova ancora pace. A nulla sono servite le segnalazioni dell’associazione Italia Nostra e i solleciti della Soprintendenza partenopea. Poco più di un mese dopo la pubblicazione su ilfattoquotidiano.it di un video-denuncia, il lastrico della chiesa continua a essere nella piena disponibilità degli abitanti della palazzina attigua (anche quella di proprietà della Curia), che già in passato hanno causato danni alla struttura  di Andrea Postiglione