Io, Esposito, lo ammazzerei. È stato il primo a ficcare una condanna definitiva a B; ha spiegato bene la “fretta” con cui è stato fissato il processo; ha dato una dimostrazione di indipendenza annullando i 5 anni di interdizione che ci avrebbero levato dai piedi B. subito e una volta per sempre; e si mette a sproloquiare con i giornalisti proprio quando B. e la sua corte stanno affannosamente cercando di far dimenticare una ruberia fiscale di molti milioni compiuta da un Presidente del Consiglio che ha depredato il Paese che gli era stato affidato?

Per carità, è ovvio che si tratta di nuddu ‘mmiscatu ccu nenti. Ma la capacità di utilizzare il nulla come argomento non ha mai fatto difetto a B&C; che però, questa volta, hanno dato veramente il meglio di sé. Pensate. Esposito racconta perché il processo a B è stato fissato in fretta: si prescriveva, come altri fissati nella stessa udienza. Si sottrae a domande pericolose sul segreto della camera di consiglio. Arriva a spiegare con chiarezza, sia pure inquinata dall’uso di un napoletano da mercato del pesce, perché non si può utilizzare come prova a carico il “non poteva non sapere” e perché occorrono prove che dimostrino che l’imputato “sapeva”; e la corte dei miracolati da B pianta un casino. “Un infortunio, gravissimo, a conferma dell’ineluttabilità di una riforma che ponga fine alla sfibrante contrapposizione tra giustizia e politica” (Schifani e Brunetta). “Non si è mai visto, la vicenda suscita perplessità e preoccupazioni” (avv. Coppi). “L’accaduto non potrà non avere concreti riflessi sulla valutazione della sentenza” (avv. Ghedini). Ma de che?

Chiunque si legga o ascolti (se la capisce) l’intervista, può rendersi conto che Esposito sta enunciando principi generali. Poteva fare a meno della sua modesta lezione di diritto ma tant’è. Ammesso che invece si riferisse al processo di B e stesse spiegando perché il collegio ha ritenuto che era colpevole; e allora? Fosse avvenuto prima del giudizio, ricusazione, nullità, fucilazione del giudice prevenuto, beatificazione della vittima. Ma è avvenuto dopo; Esposito ha solo raccontato quello che si leggerà tra qualche giorno. Quale potrebbe essere il pregiudizio del condannato? E che c’azzeccano la riforma della giustizia, le perplessità, i concreti riflessi sulla valutazione della sentenza? Forse che, avendo Esposito riassunto una parte della motivazione prima della pubblicazione, B non ha rapinato al paese una montagna di soldi?

La corte dei miracolati pensi piuttosto alla gravità dell’affermazione intorno a cui fa quadrato: “B è stato eletto da milioni di cittadini che non possono essere lasciati senza rappresentanza politica. Bisogna trovare un modo per garantirgli di proseguire nella sua missione”. Non dicono (oppure mentono sapendo di mentire): B è innocente. Non importa, B deve essere intoccabile. Anche se ruba al Paese? “Ma sì, ha pagato talmente tante tasse, cosa sono 7 milioni di euro evasi” (Gelmini). E se rende schiavi i dipendenti pubblici perché violino la legge e nascondano le sue puttane? E se si mette in affari con la mafia? E se uccide? Dov’è che questo straordinario principio del voto popolare che rende superiori alla legge deve essere abbandonato? E infine: è un principio che vale per tutti? Se Riina si organizza e si fa eleggere da qualche milione di mafiosi e cittadini ricattati, lo tiriamo fuori di prigione e gli consegniamo le chiavi della città?

Cortigiani, vil razza dannata, a qual prezzo vendereste il nostro Paese?

il Fatto Quotidiano, 8 Agosto 2013