Un principio di incendio ha interessato alcuni quadri elettrici della centrale a metano dell’Enel in via Bruno Buozzi, a Bari (foto da Twitter). Sul posto, per spegnere le fiamme,è’ intervenuto il personale della task force della sicurezza dell’azienda, coadiuvato dai vigili del fuoco. Secondo quanto si apprende da fonti dell’azienda l’incendio non riguarda le unità produttive, ma una zona distaccata da queste ultime. L’intervento di spegnimento è in corso, ma si vedono levarsi grosse colonne di fumo. La zona è vicina a un’importante arteria di ingresso alla città e al quartiere Stanic.

Sembra che le fiamme abbiano interessato anche un trasformatore. Il problema maggiore per chi opera sul campo è il fumo e il caldo soprattutto perché i vigili del fuoco indossano dispositivi di protezione e hanno bisogno di idratarsi. La centrale, al momento in cui è scoppiato l’incendio non era in funzione. Il traffico su viale Bruno Buozzi, la strada che passa davanti all’ingresso della centrale e che collega la zona industriale al centro cittadino, è ripreso. In un primo momento era stato sospeso per via del fumo che si era sprigionato. L’impianto termoelettrico, alimentato a metano, non era comunque in funzione e non c’è pericolo di contatto tra le fiamme e il combustibile. Non ci sono feriti.