Arsène Sende, ministro della Giustizia del paese africano è categorico nel sostenere che il documento rilasciato alla moglie di Ablyazov era perfettamente regolare: “Il documento di Alma Shalabayeva era in regola e informammo le autorità italiane”  di Marco Filoni e Laetitia Méchaly