Diecimila medici precari dal futuro incerto. Un estremo disagio derivante da risorse insufficienti dal blocco del turn over“. Questa la protesta dei camici bianchi, dei dirigenti sanitari e dei veterinari che si sono riuniti questa mattina davanti al ministero dell’Economia, a Roma, in un sit-in di protesta indetto dai sindacati di categoria contro i pesanti tagli alla sanità. “Il punto centrale di tutta la partita – spiega un sindacalista dellla Cgil – sono le risorse. Sarebbe paradossale che, mentre negli Stati Uniti, Obama cerca di garantire la salute per tutti, in Italia stiamo assistendo ad una privatizzazione strisciante“. “Io per fortuna ho un contratto a tempo indeterminato – dice un’anestesista dell’ospedale San Camillo di Roma –  ma l’attenzione deve essere puntata su tutti i precari sfruttati che lavorano con contratti atipici: sottopagati, stressati, con orari di lavoro che non sono come i nostri e senza alcun tipo di garanzia”  di Manolo Lanaro