La ex compagna Anna Laura Millacci lo aveva accusato di averla picchiata. Percosse a causa delle quali avrebbe perso il bambino. Ora il cantante Massimo Di Cataldo è indagato per i reati di maltrattamenti e procurato aborto. Nei giorni scorsi la donna aveva postato la storia sul profilo facebook pubblicando anche alcune foto con il suo volto insanguinato. La procura ha proceduto d’ufficio e, in base a quanto si apprende, avrebbe acquisito la documentazione medica che attesta l’avvenuto aborto.

Questo pomeriggio entrambi sono stati interrogati in Questura a Roma e ascoltati separatamente dal pubblico ministero Eugenio Albamonte. “Lui è un tipo irascibile, che scatta per un nonnulla fino ad arrivare alle mani. A volte per motivi di gelosia, altre per questioni intime o familiari”, avrebbe detto Millacci. I due però avrebbero fornito versioni diametralmente opposte rispetto a quanto avvenuto nell’ottobre dello scorso anno quando, a cause delle percosse, la donna afferma di avere abortito. In base a quanto accertato dagli inquirenti, testimone di quanto avveniva tra i due è la baby sitter della figlia della coppia, che verrà sentita presto dagli investigatori.