In questi giorni don Gallo avrebbe compiuto 85 anni, i ragazzi della comunità di San Benedetto al Porto hanno voluto organizzare una festa per ricordarlo a pochi mesi dalla sua scomparsa. Prima una messa, celebrata da Don Luigi Ciotti, nella chiesa di San Siro tra i caruggi che sono stati il luogo di “lavoro“ di Don Gallo. Poi una serata ricca di ospiti al Cep, quartiere in periferia di Genova. Sul palco si sono alternati i numerosi amici del sacerdote che ne hanno ricordato l’opera e il ruolo centrale per la chiesa che verrà. Don Ciotti spiega “Lo possiamo sentire in mezzo a noi, per questo abbiamo deciso di chiamare la serata ‘Vivo e Vegeto’ come il libro che è appena uscito su don Andrea”. Tra gli ospiti della serata c’era anche Antonio Padellaro, direttore de Il Fatto Quotidiano: “Mi spiace che non si sia stato un incontro tra don Gallo e Papa Bergoglio, sarebbe stato straordinario. Questo Papa sta cercando di fare quel che don Gallo aveva capito da tempo”   di Cosimo Caridi