Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Blog di Alessio Pisanò > Francesco Gucci...
I blog de IlFattoQuotidiano.it
Alessio Pisanò
Giornalista freelance Bruxelles

Francesco Guccini a Bruxelles: ‘Non c’è più speranza’

Francesco Guccini ha presentato a Bruxelles il suo ventiquattresimo ed ultimo album “L’ultima Thule. Alla serata, organizzata dalla Piola Libri di Bruxelles, è stato proiettato il video del backstage delle registrazioni avvenute all’interno del mulino della famiglia Guccini a Pavana (provincia di Pistoia), dove il cantautore ha trascorso i primi anni della sua vita. Guccini, insieme alla moglie Raffaella Zuccari, ha introdotto e commentato le riprese. Impossibile non parlare anche di politica e attualità con un Guccini che si dice “non contento” della politica di oggi e definisce “tutti democristiani” i politici al governo. Del cantautore modenese colpisce la franchezza espressiva e la semplicità di una vita, personale ed artistica, mai lontana dalle sue origini e “italiana” nel senso più candido del termine.

Guccini registrare l’ultimo album nel mulino di famiglia equivale a un modo per chiudere il cerchio della sua carriera?

Guccini: Esattamente, si chiude davvero il cerchio. In questo mulino ho trascorso i primi anni della mia vita, non ci passerò gli ultimi però ci vado davvero spesso. Abbiamo deciso di incidere l’album lì per divertimento, perché era uno spazio più aperto, una situazione simpatica, abbiamo voluto fare così”.

In cinquant’anni di carriera ha visto l’Italia cambiare. Da artista cosa ne pensa, qual è stato il momento peggiore?

Ci vorrebbero mesi per rispondere. L’Italia è cambiata in mille modi, forse è cambiata in peggio, anzi sicuramente è cambiata in peggio. Nel dopoguerra c’era una situazione brutta ma almeno c’era la speranza che adesso pare non ci sia più, e questo è davvero il lato peggiore della situazione.

Quindi la situazione dell’Italia è addirittura peggiore di quella degli anni Settanta, degli anni di piombo?

Io parlo addirittura degli anni 40, del dopoguerra, sicuramente gli anni di piombo, ma anche del dopoguerra. In quegli anni c’era una speranza che adesso non c’è più. Faccio un esempio: allora si facevano studiare i figli perché si sperava facessero che qualcosa di più dei genitori, adesso invece i figli hanno bisogno dei genitori per tirare avanti, e questo non è carino.

Un importante leader europeo ha dichiarato che i valori del 68 non sono più validi, ha addirittura scritto un libro ,“Forget 68” (dimenticatevi il 68), è d’accordo?

(risata) Dimenticatevi piuttosto di Borghezio. Alcuni valori sono ancora validi, altri sono finiti. Giorgio Gaber ha fatto una canzone, “La mia generazione ha perso”, io non ero d’accordo. Poi lui purtroppo è morto e non abbiamo potuto discuterne. Ma penso che alcune cose del 68 siano ancora valide, altre invece sono svanite.

Recentemente ha detto di non essere più sicuro che il Pd sia ancora il suo partito, quindi?

C’è ancora una base robusta, che ha ancora delle ideologie, che ha ancora qualcosa. Forse bisogna tenere presente proprio questa base e vedere cosa fa il vertice.

@AlessioPisano

Vieni a trovarmi anche sul mio sito


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione