La Corte Costituzionale tedesca esamina il piano d’acquisto di obbligazioni predisposto dalla Banca centrale europea con l’uso del fondo Esm, in seguito alle accuse di finanziamento illegittimo degli stati e di lesione dei principi della democrazia avanzate da gruppi politici, professori e parlamentari. Per l’Italia e la Spagna il piano Omt ha fatto la differenza tra l’imminente possibilità di default e l’occasione di organizzare una ripresa dell’economia. Draghi recentemente lo ha definito “lo strumento di maggiore successo” della banca centrale. L’iniziativa della Corte tedesca tedesca rischia di riaccendere la crisi del debito e di interrompere il periodo di calma sui mercati finanziari.

Ospite in collegamento: Francesco Saraceno – Ricercatore OFCE, centro di ricerca in economia di SciencesPo da Parigi: “È probabile che la Corte salvi il programma Omt e metta qualche paletto sull’esposizione finanziaria tedesca ma può benissimo succedere che un paese richieda il salvataggio e che il fondo Esm non compri direttamente titoli lasciando alla Bce l’onere di comprare sul mercato secondario, in questo caso l’esposizione dei paesi che finanziano l’Esm sarebbe zero perché la Bce finanzierebbe gli acquisti stampando moneta”.