“Noi dobbiamo essere umili e rimboccarci le maniche. Così sapremo coniugare intelligenza e passione i risultati arriveranno”. Queste le prime dichiarazioni del nuovo capogruppo del M5S al Senato, Nicola Morra che ai microfoni de ilfattoquotidiano.it analizza il deludente risultato elettorale delle amministrative. “Io – dice Morra – ho l’incrollabile fede che il Movimento possa tornare a correre prima ancora che nelle urne, nei cuori degli italiani“. Sul fronte delle polemiche che in queste ore si sono alimentate per i toni utilizzati da Beppe Grillo, il capogruppo del M5s sottolinea: “Grillo usa quegli stessi toni per cui oggi è accusato da sempre. Ha sempre usato parole dure, parole importanti e gravi anche in altri contesti. Allora – prosegue – il punto non è il tono di Beppe, il punto è come in tante altre occasioni ci può stare una crisi di crescita e noi non dobbiamo fare l’errore di pensare che gran parte della strada sia stata percorsa”. Nuove uscite o espulsioni? Morra in proposito è chiaro: “Tutte le volte che si dibatte e si dialoga anche con toni forti, come nella riunione di ieri, si fa emergere ancor più chiaramente la volontà di concorrere tutti insieme allo stesso risultato: promuovere il Movimento e il Paese”  di Manolo Lanaro