Il condominio di Largo Intesa non ha numero civico. E si trova in alto molto in alto. Si respira un’aria diversa, buona e molto ossigenata.

Vi abitano persone che fanno abitualmente politica. Vi sono quelli che dovrebbero legiferare e quelli che dovrebbero governare. Ma preferiscono delegare a dei saggi questo loro compito perché non lo sanno fare e poi non vogliono responsabilità. Vogliono stare tranquilli nel loro attico pieno di salotti.

Un gran movimento di gente che vorrebbe fare le riforme. Ma mica tanto. Per loro va tutto bene così. E’ un condominio apparentemente senza problemi. Tutti sembrano andare d’accordo. Nessuno però si accorge di una perdita d’acqua. E nemmeno che c’è gente per la strada annacquata da quella perdita.

Nel condominio si parla tanto. Riunioni, commissioni ma poi non si decide nulla. Perché decidere potrebbe cambiare le cose. E il condominio non vuole cambiare. Va tutto bene così.

Negli ultimi tempi molti pezzi di intonaco continuano a cadere, ma nessuno se ne preoccupa. La gente per la strada però ogni giorno ne è colpita. Molti si fanno male e qualcuno non sopravvive. Ma nel condominio nessuno se ne accorge.

Il condominio di “Largo Intesa” è molto lussuoso. Non c’è aria di crisi. La crisi sta fuori. Sta solo fuori.

Si vocifera che la strada, forse, potrebbe cambiare nome.

Ed i condomini sono molto preoccupati e spaventati da ogni piccolo cambiamento.