Sul caso Minzolini i giudici esagerano e la Rai ha sbagliato. Adesso va reintegrato“. Sono le parole rilasciate da Corradino Mineo ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio24. Il senatore del Pd spiega: “I magistrati intervengono troppo nei fatti interne della aziende. Minzolini è un ottimo giornalista e lo era soprattutto prima del suo incontro con Berlusconi, poi ha pagato dazio. Sarebbe stato meglio” – continua – “che la Rai avesse avuto il coraggio di dirgli: ‘Non mi piaci come direttore del Tg1’, anzichè inventarsi una scusa. Spostare la gente, così Berlusconi non si arrabbia tanto è un atto di ipocrisia servile“. L’ex direttore di RaiNews accusa ancora l’azienda, narrando il suo caso personale: “Sono formalmente in aspettativa, purtroppo. E’ incredibile, ho presentato la lettera di dimissioni, ho chiesto che mi paghino le ferie arretrate” – prosegue -“e mi hanno risposto che potevo chiedere l’esodo per una cifra uguale. Ma la mia situazione è un’altra. Da quel momento non mi hanno più risposto. Se ne fregano, tanto paga Pantalone“. E aggiunge: “Ho chiesto di farmi pagare le ferie e mi hanno detto che non possono. La mia richiesta di andare via è stata fatta subito ma non ho ricevuto risposta”. Poi si sfoga: “Se volessi mi farei dare dalla Rai un sacco di soldi facendo causa per quello che ho passato e sto passando. Magari di soldi per la famiglia ne avrei bisogno, farebbero comodo”. E precisa: “Ho lavorato per sei anni dodici ore al giorno e l’azienda mi ha sempre ostacolato negandomi tutto. Chiedevo due persone in più e quando me ne sono andato alla Maggioni ne sono arrivate otto“. Il parlamentare poi dice la sua sui talk show politici, condividendo il giudizio di Beppe Grillo in merito: “Non mi piacciono, sono una sceneggiata. Floris mi ha stancato. Per esempio quando stai per rispondere, molla la presa e comincia a camminare. Ti resta l’amarezza. A “Ballarò”“- continua – “ho visto i politici che si portano dietro gli uffici stampa come figurine, allora facciano parlare loro. A che serve una cosa così? Preferisco le interviste, i dibattiti non mi piacciono, anche se sono condotti da Michele Santoro che è il migliore di tutti”. Infine, il giornalista si esprime sulle critiche di Beppe Grillo a Lucia Annunziata, che ha querelato il leader del Movimento 5 Stelle: “Le sue accuse vanno dimostrate. Se lei ha fatto un pezzo teatrale sul caso Mattei non ci trovo nulla di strano ma io non ho mai ricevuto i soldi da un’azienda, mai”