Reportage del Fatto del lunedì nel mondo degli indebitati che non possono pagare e dei loro implacabili persecutori. Un viaggio nella zona oscura tra lecito e illecito che sta dietro a tante cronache disperate, partendo dal portafoglio degli italiani che si è liquefatto fino a non pagare più neanche le bollette e arrivando al cuore dell’industria del recupero, con il racconto esclusivo di un esattore pentito. 

La sua confessione è una radiografia della violenza che corre sul filo del telefono, sui contratti, nelle pratiche ormai scadute e fra titoli prescritti che vengono ripescati e rimessi in circolo per mantenere il giro delle provvigioni. Spiegheremo come la crisi morde il tallone agli “agenti della riscossione” e li trasforma in moderni inquisitori, gendarmi del credito disposti a tutto per tentare il recupero. Spianano le armi sottili del ricatto, della mistificazione, della minaccia e della persecuzione. Lo stalking creditizio, un fenomeno emergente che ha fatto migliaia di vittime, come rivela la storia di Agenzia Debiti, ma è anche un problema di sistema. Anche in Italia esiste un fiorente commercio di crediti deteriorati venduti all’asta e poi ceduti in una girandola di passaggi. E l’acquirente finale ha un solo obiettivo: non più risolvere il debito ma fare giornata ad ogni costo. 

Tutti i Cavalieri d’Italia

Eccellenti d’Italia. Cavaliere del Lavoro, Grande Ufficiale, Commendatore, sono le più alte onorificenze dello Stato e il Presidente della Repubblica le destina a chi gode di una specchiata condotta civile e si distingue per merito. Nelle liste però tanti i nomi che suscitano polemiche, sospesi tra inchieste e condanne: da Silvio Berlusconi a Luigi Zunino e Alessandro Profumo. Una sola la revoca degna di nota, quella a Calisto Tanzi, a sette anni di distanza dal primo arresto. Ma anche Antonio Batani, proprietario del Grand Hotel di Rimini, indagato per evasione fiscale (e poi assolto). Per qualcuno parte la fase istruttoria per la revoca, per molti resta un titolo a vita malgrado i reati e le indagini. Due pesi e due misure per onorificenze che rischiano di perdere ogni credibilità e restare semplici coccarde da appuntare sul petto.

I vu’ cumprà siamo noi europei 

Il mondo capovolto: il Marocco diventa meta delle industrie europee. E si scopre terra di immigrazione. Arrivano dalla Spagna, ma non solo… Così alla fine gli immigrarti siamo noi e non più i marocchini che arrivano in Italia o in Spagna, piuttosto cvhe Germania o Inghilterra. Da un pèo’ di tempo a questa parte il fenomeno è al contrario. Anche perché il Paese gode di una buona salute.

La nuova rubrica di Maggiani

Le stagioni della natura accanto a noi nella nuova rubrica di Maurizio Maggiani, uno dei più amati scrittori italiani, l’autore de “Il coraggio del pettirosso”.

Fatto in Italia

Oliviero Toscani con le sue immagini e con un’intervista a Salvatore Settis racconta il degrado e le meraviglie dell’Italia.