Condensare in poche righe 48 ore di passione non è facile. Perché è forse proprio la passione che tiene insieme tutte le iniziative, gli appuntamenti, gli spazi che hanno caratterizzato due giorni di incontri, momenti di riflessione, presentazioni di libri, dibattiti, concerti, spettacoli teatrali, animazioni per bambini…

La seconda edizione della Festa nazionale dei Comuni Virtuosi, svoltasi anche quest’anno presso il circolo A.R.C.I. “Fuori Orario” di Taneto di Gattatico (RE), è stata un successo non solo di pubblico, ma di contenuti.

Si è parlato di politica, nel confronto più importante di domenica 26, che si è arricchito di interventi autorevoli, di spessore, (Federico Pizzarotti, Pippo Civati, Sergio Blasi, Giulia Innocenzi, Luca Fioretti). La politica che si confronta con il mondo delle imprese (Giuliano Poletti di Legacoop, Massimo Buccilli di Velux Italia, Claudio Tedeschi della Dismeco) e che insieme ai media provano a interloquire sui temi della sostenibilità e della concretezza. Con una previsione sul futuro affidata a Luca Lombroso.

Un altro appuntamento importante è stato quello con Riccardo Iacona, premiato dall’Associazione Comuni Virtuosi come Giornalista virtuoso dell’anno. A seguito della cerimonia, in compagnia di Samuela Frigeri del Centro Antiviolenza di Parma, il giornalista di “Presa Diretta” ha presentato il suo ultimo libro “Se questi sono gli uomini”, edito da Chiarelettere, sul tema attualissimo e drammatico della violenza contro le donne.

I beni comuni sono stati al centro del confronto moderato dal giornalista di “Report” Giuliano Marrucci, al quale hanno partecipato Domenico Finiguerra (Forum Salviamo il Paesaggio), Bendasi Battisti (Sindaco di Corchiano – VT) e Mirko Tutino (Assessore all’Ambiente della Provincia di Reggio Emilia).

Poi, nelle due serate, spazio alla musica e al teatro, con il bellissimo monologo “La città di plastica”, interpretato da Claudia Campagnola, un monologo con le storie di donne da diverse parti del mondo accomunate da un comune destino fatto di violenza, miseria, disperazione, e con il concerto/sfida tra due cover band dei Beatles e dei Rolling Stones, sabato 25.

Mentre domenica è andato in scena lui, il Premio Oscar Nicola Piovani, nel suo formidabile “In Quintetto”, accompagnato da musicisti davvero virtuosi…

Nonostante una stagione non particolarmente favorevole, numerose sono state le iniziative a favore dei più piccoli, con gli asini taxi e i laboratori creativi, che hanno intercettato l’interesse e la curiosità di decine di famiglie. La libreria interna, dedicata alle pubblicazioni per bambini e ragazzi, ha completato la cornice di magia e di storie insieme alla costruzione degli aquiloni.

Ma i veri, assoluti protagonisti di questa manifestazione erano proprio loro, i comuni virtuosi. Circa 40 stand di altrettanti enti locali italiani, che hanno messo in scena le loro peculiarità: turismo, ambiente, cultura. E poi prodotti tipici, artigiani locali, storie e dialetti. Accompagnati dai produttori del Mercato della Terra di Slow Food, hanno colorato di sapori e territori i due giorni del Fuori Orario, mentre nel ristorante interno si cucinavano i piatti dell’Italia virtuosa (dall’asparago rosa di Mezzago alle lumache di Mirabello Monferrato).

Se a tutto questo si aggiunge l’anteprima della festa, svoltasi per tutta la giornata di sabato presso il vicino Istituto Cervi di Gattatico, con l’edizione straordinaria della “Scuola di Altra Amministrazione” si può intuire, anche per chi non c’era, che sono stati davvero due giorni molto intensi e ricchi di passione. E contenuti. E contaminazioni positive.

Ciliegina sulla torta, il comitato direttivo dell’Associazione tenutosi domenica (nella pausa pranzo…) ha deliberato l’ingresso nella rete di 3 nuovi comuni: Corinaldo (AN), Tollo (CH) e Villamagna (CH), ai quali diamo fin d’ora il benvenuto in attesa della formalizzazione in consiglio comunale.

La famiglia cresce, il progetto non si ferma. Un’altra Italia è davvero possibile!