Urne chiuse da quaranta minuti ed il primo a commentare il dato record dell’astensionismo nella Capitale è il senatore Andrea Augello, responsabile della Campagna elettorale di Alemanno, che sull’astensione da record dichiara: “Noi lo temevamo, perciò abbiamo cercato di comunicare temi concreti attesi delle famiglie come l’abolizione dell’IMU ed Equitalia; purtroppo per fare una campagna elettorale bisogna essere non dico in quattro, ma almeno in due ed il principale antagonista di Alemanno, Ignazio Marino, purtroppo ha addormentato questa campagna elettorale. Non si possono fare campagne elettorali per chiedere dibattiti politici in inglese e parlare di una città a misura di bambino, perché poi sono questi i risultati”. Quindi, per il Senatore PdL l’astensionismo è causa della scarsa proposta messa in campo dal Partito Democratico e non della criticata gestione Alemanno: “Non è così, una buona parte dell’elettorato non ha percepito delle alternative in campo contro Alemanno”  di Manolo Lanaro