In una città tutta rosa (anche i cassonetti sono stati dipinti in onore del Giro d’Italia) i bresciani oggi si sono recati alle urne per eleggere il prossimo sindaco. Secondo l’opinione diffusa la sfida è tutta tra Pd e Pdl, ma a detta di molti la politica nazionale c’entra poco con le questioni cittadine e la scelta esula dalle influenze romane, compreso il tesissimo comizio di Berlusconi in piazza Duomo. Tante e pesanti i problemi locali, considerati troppo importanti per essere affidati a questioni di bandiera  di Alessandro Madron