L’allarme di Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria, all’Assemblea degli industriali: “Così il Paese torna indietro di 50 anni”. Il capo di viale dell’Astronomia ha poi aggiunto: “Il Nord è sull’orlo di un baratro economico che trascinerebbe tutto il nostro Paese indietro, escludendolo dal contesto europeo che conta. Vogliamo questo?”. Il numero uno di Confindustria, è intervenuto a Roma davanti ad una platea di imprenditori e a una larga rappresentanza del governo, compresi premier e il vicepremier. “Per tornare al nord trainante le vie sono credito, fisco, giustizia, semplificazione, infrastrutture. Uno Stato amico”  di Manolo Lanaro